L’importanza di un diploma: perché ottenerlo e come recuperare gli anni persi

Ciò che sta avvenendo negli ultimi anni nel mercato del lavoro, non è solamente una mutazione, ma una vera e propria rivoluzione. Oggi non è sensato pensare di presentarsi senza un titolo di studio presso le aziende, perché al contrario stiamo assistendo ad un aumento costante delle skills richieste per lavorare. Ovviamente ci sono situazioni di vita che possono costringere la persona ad abbandonare il percorso di studi, con motivazioni più o meno plausibili. In questo articolo cercheremo di capire perché è importante recuperare il tempo perso.

Abbandonare gli studi? Perché non farlo

Come anticipato, qualche decennio fa il titolo di studio aveva un’importanza minore. Molto spesso infatti, era sufficiente fare l’apprendista per imparare una professione ed ambire al tanto desiderato posto fisso. Oggi il mercato del lavoro non è più lo stesso. Le aziende hanno alzato moltissimo l’asticella delle competenze richieste per cominciare a lavorare, quindi pensare di presentarsi senza un titolo di studio, non è più concesso. Chiaramente tale regola vale sia per il settore privato che per quello pubblico, dove molto spesso e volentieri, per accedere ai concorsi, viene richiesto quantomeno un diploma.

Abbandonare gli studi: motivazioni

Le motivazioni per cui una persona può ritrovarsi ad abbandonare gli studi, sono molteplici e non tutte dipendenti direttamente dalla volontà di tale persona. Se in alcuni casi infatti, può semplicemente venire a mancare la voglia di studiare, in altre situazioni nonostante tale voglia sia presente e radicata nella persona, si trova costretta a seguire altre vie, magari cominciando una professione anche poco gratificante per motivi puramente economici.

Questo abbandono degli studi può compromettere l’intera vita, professionale e non, della persona. Al contrario, sviluppare nuove competenze, aggiornate con quello che il mercato del lavoro richiede, apre nuove strade in un percorso che già di suo è difficile per tutti, soprattutto da quando la grande crisi iniziata nel 2008 ha colpito praticamente tutto il globo, Italia compresa.

Ma ottenere un titolo di studio, non è utile solamente ai fini dell’ottenimento di un posto di lavoro, per quanto essenziale. La conoscenza dona consapevolezza, e una persona con un livello culturale più alto, incontrerà sicuramente meno difficoltà in moltissimi ambiti della frenetica routine quotidiana.

Il valore della formazione

A questo punto, probabilmente sarà più chiaro l’inestimabile valore della formazione. Si deve pensare a tale formazione, come ad un percorso di vita che di fatto non termina mai. Ma come fare per ovviare all’inconveniente di aver abbandonato gli studi, trovandosi magari nella condizione economica di non poter abbandonare l’attuale esperienza lavorativa?

La risposta al quesito in oggetto la fornisce www.istituto-pascoli.com che permette tra le altre opzioni, anche quella di recuperare uno o più anni persi, ai fini dell’ottenimento del diploma. In queste situazioni difatti, una particolare attenzione deve essere posta sulla didattica, che deve divenire personalizzata sulla base delle problematiche del singolo studente, tenendo conto di ogni eventuale necessità.

L’importanza del diploma

Che nel mondo esistano persone senza diploma che hanno ottenuto risultati eccellenti nella vita, è risaputo e nessuno discute tale successo. Calciatori, attori, cantanti, persino imprenditori. Ma come ben sappiamo, tali casi se rapportati ad un’intera popolazione nazionale, rappresentano una casistica totalmente irrilevante, e sui cui non si può certo fare affidamento. In altre parole non possiamo vivere nella speranza di un colpo di fortuna che possa cambiare le nostre vite.

L’unico modo per affrontare correttamente un percorso di vita, è quindi quello di aumentare costantemente la nostra formazione individuale, espandendo conoscenze e competenze. Dobbiamo solamente ritenerci persone comuni e non come parte dei casi isolati sopra riportati. Se poi arriva la fortuna, ben venga, ma non possiamo ragionare in funzione di tale fortuna.

You Might Also Like